Impianti

La gestione dei rifiuti consiste in un processo integrato di raccolta, selezione e avvio al recupero delle varie frazioni differenziate.
A supporto di questa complessa attività, ERSU S.p.A. ha realizzato nel corso anni impianti dedicati alle varie fasi del processo, con lo scopo di ottimizzare il proprio lavoro e favorire il il recupero dei rifiuti avviando al riciclo quante più materie possibili, minimizzando l'uso della discarica.

In particolare ERSU S.p.A. dispone di tre tipi di impianto:

  • impianto di valorizzazione delle frazioni differenziate: si tratta di un vero e proprio impianto di trattamento che permette la selezione e la cernita dei materiali raccolti tramite porta a porta, raccolta stradale e isole ecologiche;
  • stazione ecologica: è un'area di conferimento nella quale i rifiuti possono essere stoccati, separati e caricati per l'avvio al riciclo. La funzione principale di questo tipo di impianto è a supporto dell'attività aziendale; tuttavia il conferimento dei rifiuti è consentito anche ai privati cittadini e alle imprese dotate di adeguata documentazione (formulari):
  • centro di raccolta: è una struttura attrezzata dedicata esclusivamente ai privati cittadini per favorire la raccolta differenziata spontanea.

STATUARIOL'impianto è ubicato nel Comune di Pietrasanta in Via dello Statuario, nell'area industriale denominata "Il Portone".

La superficie coperta del capannone è di circa 1.000mq e la superficie scoperta adibita a movimentazione e stoccaggio è pari a circa 3.000mq.
L'impianto, autorizzato dalla Provincia di Lucca in procedura ordinaria, è in grado di trattare circa 25.000 tonnellate annue, producendo sia rifiuti che materie prime secondarie (MPS) quali plastica, carta e cartone. La struttura soddisfa un bacino di utenza di circa 80.000 abitanti e impiega 10 operatori.
L'impianto di selezione è costituito da una rompisacchi, da una linea di cernita e da una pressa compattatrice.

I materiali in ingresso all'impianto di valorizzazione della raccolta differenziata attuata sul bacino di competenza di ERSU S.p.A. provengono dalla raccolta porta a porta, stradale e piazzole; i materiali principalmente trattati sono:
- Carta, cartone e tetrapack
- Multimateriale leggero
- Plastica
- Vetro
- Alluminio e banda stagnata

Le fasi del processo di lavorazione possono riassumersi nelle seguenti:
- ricezione dei materiali
- stoccaggio dei materiali conferiti
- separazione e cernita, separazione delle frazioni indesiderate
- invio dei materiali a impianti di recupero
- invio degli scarti a impianti di recupero
- invio delle MPS alla produzione di nuovi materiali
Gli impianti di destinazione del materiale sono individuati in base ad alcune convenzioni in essere con i Consorzi Nazionali o presso smaltitori privati.

Multimateriale
Il multimateriale proveniente dalla raccolta porta a porta e dalla raccolta con campane viene stoccato e avviato al trattamento. Sulla linea di selezione viene effettuata una prima cernita manuale con l'estrazione di materiali come plastiche pesanti, cassette, ecc. Successivamente il materiale passa sui sistemi di separazione dei metalli ferrosi e non ferrosi, estraendo alluminio e banda stagnata.
Il materiale subisce infine un'ulteriore passaggio di cernita nel quale vengono estratti vetro e altri materiali. Le MPS ottenute vengono poi inviate ad impianti per la produzione di nuova plastica.

Imballaggi in carta e tetrapack
I materiali cartacei passano da una prima cernita manuale e dal sistema di separazione dei metalli ferrosi e non ferrosi (alluminio e banda stagnata).
Il materiale subisce infine un'ulteriore passaggio di cernita nel quale vengono estratti vetro e altri materiali. Le MPS ottenute vengono poi inviate alle cartiere per la produzione di nuova carta.

Cartone
Il cartone viene avviato direttamente alla linea di compattazione; in una postazione del nastro di alimentazione della pressa viene effettuato un controllo sui materiali in ingresso al fine di separare eventuali scarti.Le MPS ottenute vengono poi inviate alle cartiere per la produzione di nuovo cartone.

Imballaggi e rottami in vetro
Il vetro, proveniente sia dalla raccolta che dalla selezione degli altri materiali, viene stoccato in container scarrabili e conferito ad impianti di recupero specifici del consorzio di filiera.

Altri materiali
Presso l'impianto vengono stoccati e avviati presso impianti idonei al recupero numerosi altri materiali: rifiuti di ferro, acciaio e ghisa, metalli non ferrosi, scarti e polveri di materie plastiche, paraurti/plance/sportelli di autoveicoli, plastica da operazioni di costruzione e altri rifiuti plastici.

 

I nostri impianti:

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti notizie e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie Vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie ?